immagine

venerdì 2 maggio 2014

Lavoratrice autonoma? Malata?: occhio, oltre allo Stato, ti abbandona anche il compagno

La redazione di Ok Salute e Benessere pubblica l'articolo "Matrimonio in crisi se si ammala la moglie" sulla base della ricerca della University of Michigan Institute for Social Research realizzata nel 2013.

Superato il vecchio ‘finchè morte non ci separi’: è il periodo di grave malattia a far vacillare maggiormente il rapporto di coppia e a portare al capolinea del divorzio. Soprattutto se ad ammalarsi è la moglie, non il marito, stando alle conclusioni di un’indagine della University of Michigan Institute for Social Research. «I comportamenti abituali associati al genere sessuale e le aspettative sociali fanno sì che per gli uomini sia più difficile assistere la compagna malata, spingendo le donne ad appoggiarsi a famigliari e amici anziché all’interno della coppia», spiega Amelia Karraker, co-autrice dello studio che è stato presentato nel corso del congresso della Population Association of America (PAA), appuntamento annuale per discutere dei problemi della società moderna. La ricercatrice e i colleghi hanno analizzato le informazioni relative a 2.717 matrimoni per 20 anni, registrando che un terzo delle coppie era ‘scoppiata’ dopo l’esordio di un cancro, malattie cardiache o respiratorie, ictus. Tutti i coniugi considerati nello studio erano di mezza età. Lo stress del divorzio può aggravare ulteriormente le condizioni fisiche e psicologiche di una persona, soprattutto dopo una grave malattia. «Potrebbe, quindi, essere utile offrire servizi di supporto ai mariti per ridurre e prevenire l’incidenza di divorzi in tarda età – conclude – ma è anche importante riconoscere se la spinta al divorzio sia legata allo stato di malattia e se una donna, una volta guarita, necessita di ulteriore aiuto.»

Scarica l'abstract completo in inglese della ricerca.

2 commenti:

  1. Mia moglie è morta 7 anni fa per una malattia neurologica degenerativa, una specie di SLA. Siamo stati in simbiosi fino all'ultimo momento in cui lei è spirata. A differenza della "statistica" la malattia ci ha resi ancora di più una cosa sola, una vera "squadra", come diceva lei, e l'amore che ci siamo dati rimarrà per sempre.
    Un forte abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna in giro ci sono anche persone come te......

      Elimina