immagine

Chi sono

Ecco chi sta dietro a questo Blog..... perchè sulle cose importanti la propria faccia ci va messa. Sempre.

Daniela Fregosi, maremmana Doc classe '67.
Psicologa del Lavoro, consulente e formatrice aziendale con una lunga esperienza nell'apprendimento degli adulti e nelle metodologie formative di tipo esperienziale ed outdoor.
Vivo, ed in parte lavoro in un casale (non mio, magari...!!) nella splendida maremma toscana dividendo il mio tempo tra l'attività professionale e l'orto, gli animali e la natura, le camminate, la meditazione ed il Reiki, l'impegno civile ed il volontariato presso il Centro Antiviolenza per Donne Maltrattate "Olympia de Gouges" e l'associazione Serenamente Onlus per le donne operate al seno.
Conduco una vita molto semplice ormai da moltissimi anni fermamente convinta che i principi di fondo della decrescita felice siano nelle mie corde e rappresentino uno dei modi per rendere questo mondo un posto migliore dove vivere.
Ho come compagno di avventure il mitico Maypo ( a cui si è aggiunto nel tempo anche lo Stortino) senza il quale non starei ancora qua, quindi questo Blog è merito anche un pò suo.
Il mio motto è "tutto fa brodo", anche un tumore, se ci si fa qualcosa..........Che poi è la versione maremmana della famosa citazione di Aldous Huxley "L'esperienza non è ciò che accade ad un uomo ma ciò che un uomo fa con quello che gli accade" 
Volete sapere altro di me? Andate a vedervi come ho scelto di curarmi perchè dice moltissimo su chi sono.

Facebook - profilo personale

Facebook - pagina del Blog

Canale YouTube di Afrodite K

LinkedIN

Twitter

Sito

Se vuoi contattarmi clicca qui.

3 commenti:

  1. Non so come ci si sente con un tumore dentro il proprio corpo. Mia nonna l'ha avuto un tumore al seno e non è stata una passeggiata. Anzi.

    Qualcosa mi dice che è vero che siamo qui per imparare, per comprendere, capire, diventare più capaci di immedesimarci, di sapere cosa si prova. Che affrontiamo delle esperienze per tirare fuori parti di noi che ancora non avevamo avuto il coraggio di manifestare, per riuscire a liberare amore, compassione, accettazione e gentilezza - in questo ordine o in un altro - che sono dentro di noi e che possono portare le nostre vite ad un differente livello. Ho parlato con donne che hanno scoperto di avere il problema di essere empatiche. Di com'è sentire la sofferenza altrui e di come si soffre come bestie per questo. Il punto è che soffriamo perché non sappiamo trascendere il dolore e trasformarlo in medicina.

    Non ci sono ancora riuscita. CI riesco a volte, ma non sempre. Qui no.

    Sapere di una persona in gamba, generosa e con un grande senso etico, in una situazione molto difficile e perdipiù con scarse risorse economiche è una cosa che mi fa stare male, peggiorato dal fatto che non sono in grado di fare quasi nulla se non mandare tutte le benedizioni che mi riesce di inviare perchè tutto si risolva per il meglio, e presto.

    E perché da tutto questo dolore ne venga fuori un'esperienza spettacolare di guarigione, infinito benessere e felicità assoluta.

    Un super enorme abbraccio

    Silvia Lupano

    RispondiElimina
  2. ti ho scoperta oggi.
    Hai tutto il mio sostegno.
    Sono una lavoratrice autonoma anch'io è ho capito che l'Inps era inesistente per noi la prima volta che sono rimasta incinta. Per fortuna il mio era un lieto evento, ma non mi ha impedito di arrabbiarmi un bel po' per il trattamento ricevuto.
    Ho firmato la petizione.
    Auguri per tutto.
    Carol

    RispondiElimina
  3. Ciao, tramite la mia email ho ricevuto la richiesta della tua petizione, ti ringrazio e ti capisco benissimo, visto che anche io ,lavoratrice autonoma, nel 2008 sono stata operata dello stesso tumore..ho firmatola petizione e la farò girare in modo che tutte le mie conoscenze firmino anche loro,.se poi ti potessi aiutare in altro modo, fammelo pure sapere sono a tua disposizione e a chi come noi hanno o stanno passando questo brutto momento, Ciao Alessandra,

    RispondiElimina