immagine

sabato 26 luglio 2014

Soia o non Soia: le controverse teorie su questo fitoestrogeno per le donne con tumore al seno

Sulla soia si dice di tutto e di più. Anche se la maggioranza di ricercatori, medici e nutrizionisti, è d’accordo  nell’affermare  che l’apporto di soia nel regime alimentare sia positivo per la salute, esiste  una certa controversia  sul consumo di questo alimento in due casi ben precisi, nelle donne in menopausa ed in quelle che hanno o hanno avuto un tumore al seno. Afrodite K ha letto parecchio su questo argomento alla ricerca di qualche indicazione utile per fare le proprie scelte alimentari e terapeutiche. Date un'occhiata al materiale che ho raccolto e poi, questa è la filosofia ed il metodo che uso da quando mi sono ammalata, valutate e decidete voi cosa fare con la soia usando anche e soprattutto il buon senso visto che una cosa è certa sull'argomento soia: una verità assoluta non c'è. Ma del resto, su cosa c'è verità assoluta?
Cos'è la soia
Si tratta di è una pianta erbacea originaria dell'Asia orientale appartenente alla famiglia delle Leguminose e quindi fonte proteica (approfondisci)


Prima della diagnosi di luglio 2013, consumavo regolarmente il latte di soia (rigorosamente biologico) soprattutto per farmi lo yogurt di soia con la yogurtiera (base della mia crema budwig mattutina). Quando ho scoperto di avere un tumore al seno ormono-sensibile e che la soia è un fitoestrogeno, mi sono posta il problema se continuare o meno a consumarne. Non mangiando latticini, il latte di soia è l'unico modo di farsi uno yogurt che sia minimamente proteico, quindi ci tenevo a poter continuare ad utilizzarlo per la yogurtiera.
Ho iniziato ad informarmi raccogliendo un sacco di articoli su questo tema. C'è davvero un sacco di confusione e soprattutto pareri moooolto discordanti.
Anche tra gli oncologi, c'è chi risponde "no, assolutamente, no", tra chi dice (come l'oncologa dello IEO di Milano che ho consultato io, dott.ssa Alessandra Balduzzi) "basta non prendere integratori a base di soia o il fagiolo proprio, il latte di soia è irrisorio come quantità di soia contenuta", e chi si limita a sorridere.
C'è da considerare che purtroppo ci sono molti oncologi con preparazione e conoscenza sull'argomento alimentazione ed alimentazione oncologica, pari a zero.

Dopo aver letto quanto segue (ma anche molto altro), chiesto a degli oncologi, parlato con altre donne operate al seno (ognuna delle quali aveva chiesto o ricevuto indicazioni dal proprio oncologo) ho mixato tutto con il mio buon senso e, per me, ho deciso quanto segue: non assumo integratori di soia (non lo facevo neppure prima della diagnosi di cancro al seno), non mangio tofu o fagioli di soia, mi limito ad assumere il latte di soia biologico per fare lo yogurt. In 1 litro di latte di soia c'è una percentuale molto piccola di soia (in quello che utilizzo io esattamente 6,7%) che tra l'altro non consumo ogni giorno (1 litro di yogurt fatto con il latte di soia mi dura circa 4/5 giorni).

Eccovi un bel pò di materiale su soia e tumore al seno per diventare pazienti più informate e consapevoli delle proprie scelte. Si tratta di una selezione che ho fatto nel tempo tra moltissimi articoli.

Cominciamo con un'interessante intervista (febbraio 2013) alla dottoressa Maria Assunta Coppola, biotecnologa medica, e nutrizionista, tra i responsabili del Consultorio di Prevenzione dietetica dei Tumori pressi l’Istituto oncologico “Pascale” di Napoli intitolata Soia: proprietà e controindicazioni nel tumore al seno .


Uno studio cinese: soia sicura dopo un tumore al seno (gennaio 2010)

La Fondazione Veronesi ritiene la soia un'arma contro i tumori  ereditari del seno (dicembre 2013)

La dietista Arianna Rossoni invece spara a zero in Soia: cibo miracoloso o business food? (giugno 2014)

Uno studio (in inglese) sugli effetti negativi della soia sulla proliferazione del cancro al seno: Effects of soy-protein supplementation on epithelial proliferation in the histologically normal human breast (2014)

Articolo da ginecologia.net: Isoflavoni della soia: effetto sulla recidiva di carcinoma mammario e sulla mortalità nelle pazienti in terapia endocrina adiuvante (2010)

L'articolo Attenzione alla soia in caso di tumore al seno (2014) dove vengono fatte interessanti considerazioni sulle dosi

Infine leggetevi tutto, ma proprio tutto, l'interessantissimo ed approfondito articolo (ottobre 2012) del dott. Salvo Catania che presenta una sezione dedicata anche al rapporto soia e tumore al seno. Leggi

1 commento:

  1. Anch'io ho un tumore al seno ormone sensibile e anch'io consumo yogurt di soia per la crema Budwig. Ci sono tanti pareri discordanti sulla soia e io ho paura che possa farmi male dato che sto facendo una terapia ormonale. Sono più confusa che mai 🤔

    RispondiElimina