immagine

sabato 1 marzo 2014

Io spavento il cancro con l'estrazione di succhi vivi da frutta e verdura

Era da tanto che lo volevo fare questo acquisto e dopo la diagnosi di tumore al seno, ancora di più. Ma i costi degli estrattori di succo vivo non sono irrisori..... Grazie ad un'amica, adesso ce l'ho!!. Ecco come, all'interno del mio protocollo alimentare, la frutta e la verdura crude e vive aiutano giornalmente il mio corpo.... ma anche il mio umore.

E' ormai noto che dovremmo consumare almeno 5 o più porzioni di frutta e verdura al giorno, quando con una porzione intendiamo l’equivalente di un pezzo di frutta, un piatto di verdura a foglia o un bicchiere di succo di circa 360ml.
Ma consumare questa gran quantità di frutta e verdura ogni giorno non è semplicissimo.
Molte verdure crude non sono di facile consumo. Pensate ai fagiolini, ai broccoli, alle cipolle.....
Se poi utilizzi la cottura, perderai il 70% dei suoi valori nutrizionali.
Ecco che un estrattore di succhi ci può aiutare moltissimo e può rappresentare uno dei migliori investimenti economici da fare per la propria salute (e piacere....)
Non solo. Dovete sapere che la digestione consuma all'incirca il 30% dei nutrimenti che ogni pasto porta con sè, la digestione costa dispersione energetica che viene sottratta ai prodotti digeriti, eliminando la fibra si salta questo passaggio, i succhi vengono digeriti in appena 15 minuti contro le 2 - 3 ore che sarebbero necessarie per digerire (intero) quel ben di dio che vedete sopra la tavola, oltretutto la digestione della fibra comporterebbe un sovraccarico di lavoro per stomaco, fegato e intestino, provate ad immaginarvi il lavoro che dovrebbe sobbarcarsi il mio sistema digerente se ogni giorno mi mangiassi 4 chili di frutta e verdure intere, un disastro, tempi lunghissimi, uno spreco energetico del 30% e un logoramento dell'intero apparato. Un estrattore è proprio questo che fa, separa la fibra. Frutta e verdura appena spremuta entrano rapidamente in circolazione perché non richiedono un lungo processo digestivo.
Occorre ricordare che la fibra, pur non avendo alcun valore nutrizionale, ha però un compito importante, quello di spazzare gli intestinidistaccando le incrostazioni fecali dalle pareti dell'intestino. Ecco perchè i succhi non devono sostituirsi integralmente al consumo di frutta e verdura che dovrà, un minimo, essere mantenuta. 
Per quanto riguarda il sapore e la bontà, i succhi più buoni sono ovviamenti quelli realizzati con sola frutta ma, soprattutto in caso di cancro, tutto questo apporto di zuccheri non è il massimo e ci perdiamo quei principi nutritivi proprio di ciò che non siamo abituati a mangiare crude: le verdure. La migliore tecnica è quindi quella di smorzare un pò i sapori più strani e forti delle verdure crude, con qualche frutto. 
Ma perchè un estrattore invece del classico frullatore o della centrifuga? I normali elettrodomestici comunemente usati per ottenere i succhi di frutta in casa o al bar – centrifughe – frullatori – robot multiuso da cucina – ecc.., durante la fase di rotazione ad alta velocità (mediamente dai 1000 giri al minuto in su) raggiungono temperature vicine ai 50 gradi eliminando così gran parte degli enzimi vivi e della vitamina C contenuti, per esempio, nella classica spremuta d’arancia. Gli estrattori non hanno lame, non tagliano, non sminuzzano, non centrifugano e non frullano, sono una pressa delicata ma potentissima ed estraggono un succo di altissima qualità, completamente a freddo. Ecco perchè l'estrattore è diverso (il mio funziona a 40 giri al minuto). 
Infine la spremitura non si interrompe mai, il succo e il materiale di scarto escono contemporaneamente da due condotti differenti, in questo modo il cestello di spremitura non si riempie mai ed è possibile estrarre l’esatta quantità di succo senza doversi fermare per svuotarlo. Comodissimo!!.
I succhi devono essere consumati all'istante e preferibilmente a stomaco vuoto in modo da sfruttare al meglio i loro principi nutritivi.
Per finire aggiungerei un ultimo elemento che ho scoperto per esperienza diretta. Estrarre succhi è divertente, creativo, alcuni hanno un sapore veramente delizioso (ricordo ancora 2 tra i miei primi succhi (barbabietola rossa, mela, carota e zenzero; peperone e arancia) e tutto questo influisce anche sull'umore. Fare succhi mi mette allegria oltre a fare bene al mio corpo.

Eccovi i suggerimenti per l'utilizzo dell'estrattore e qualche appetitosa ricetta sperimentata personalmente.

Nessun commento:

Posta un commento