immagine

sabato 23 agosto 2014

Uno studio sulle donne che, dopo la mastectomia, non vogliono la ricostruzione del seno

La ricostruzione del seno dopo una mastectomia è una scelta davvero "forte" per una donna ed ha implicazioni, dinamiche, conseguenze molto più ampie di quello che si crede osservando tutto dall'esterno. Di tutti i tipi: fisiche, mediche, psicologiche, relazionali, estetiche, culturali, di coppia..... Ecco perchè Afrodite K ritiene essenziale che le donne abbiano informazioni ricche, veritiere, realistiche e trasparenti e spesso purtroppo questo non succede. Questo articolo molto recente che mi è stato segnalato da una donna operata al seno che in Italia sta davvero facendo molto per divulgare informazioni e riflessioni "non banali" sul tema del cancro al seno, è per tutte noi (ma anche per gli altri) un ottimo spunto di riflessione.


L'articolo che ho tradotto è apparso su HealthDay News ad agosto 2014 ed è scritto da Kathleen Doheny, una giornalista di Los Angeles specializzata nella salute.

La ricostruzione del seno dopo una mastectomia è stata per lungo tempo "la scelta", ma un nuovo studio mostra che solo circa il 42% delle donne decidono di farla.
"Le ragioni per le quali la maggior parte delle donne non ha scelto subito la ricostruzione sono che  sentivano la questione poco importante, non erano interessate ad ulteriori interventi chirurgici o erano concentrate sulle terapie da fare". Ecco cosa dice la ricercatrice dott.ssa Monica Morrow, capo della chirurgia senologica presso il Memorial Sloan Kettering Cancer Center, a New York City. Inoltre comune è la paura delle protesi mammarie utilizzate per la ricostruzione (il 36% delle donne la cita come motivazione per il rifiuto della ricostruzione).
Qualunque sia la loro decisione, tuttavia, quasi l'87% ha dichiarato di essere soddisfata della propria decisione dopo quattro anni.
Lo studio è stato pubblicato on-line il 20 agosto 2014 sulla rivista JAMA Surgery.

"Parte del motivo per cui abbiamo fatto questo studio è che c'era molto dibattito sul fatto che il tasso di ricostruzione del seno era troppo basso", sostiene la Morrow. Alcuni esperti ritengono che le opzioni non sono spiegate bene alle donne, o che le donne non le comprendono bene.
L'obiettivo dello studio, ha detto la Morrow, è stato quello di esaminare come le donne arrivano alla scelta della ricostruzione, perché alcune la rifiutano e se sono poi soddisfatte nel tempo rispetto alla loro decisione.
Dopo aver esaminato i dati forniti dal governo, alle 485 donne che sono state incluse nell'analisi finale dello studio era stato diagnosticato un cancro al seno tra il 2005 e il 2007 ed erano libere da malattia dopo quattro anni.
Le donne di colore e quelle con un'istruzione minore erano meno propense a scegliere la ricostruzione del seno. Più è elevata l'eta della donna, più era probabile che non fosse scelta la ricostruzione. Anche le donne che hanno avuto un altro grave problema di salute e quelle che hanno fatto la chemioterapia erano meno propense a scegliere la ricostruzione.
Circa il 16% delle donne ha detto che le assenze sul lavoro per sottoporsi a più interventi chirurgici creavano loro problemi.
La mancanza di un'assicurazione è stata citata da quasi il 12%. Nel 1998 la legge federale nota come "La salute delle donne e il cancro Rights Act", definisce che la maggior parte dei piani di assicurazione che coprono la mastectomia debbano riguardare anche la ricostruzione del seno. Tuttavia, i tassi di rimborso sono bassi e quindi alcuni chirurghi non li accetteranno.
Circa il 18% delle donne nello studio ha dichiarato di non sapere che la ricostruzione era un'opzione possibile.
"Abbiamo trovato, tuttavia, che vi era una maggiore probabilità che le donne non bianche e le donne con istruzione inferiore erano più inclini a esprimere un certo livello di insoddisfazione in caso di rifiuto della ricostruzione," aggiunge la Morrow.
I risultati sottolineano la necessità per i fornitori di assistenza sanitaria di affrontare e gestire stereotipi ed idee sbagliate delle pazienti.
"Non esiste un numero 'giusto' di donne che dovrebbero scegliere la ricostruzione,". La Morrow comprende il motivo per cui alcune donne scegliere di non fare l'intervento chirurgico. "Quando si trovano di fronte a una malattia pericolosa per la vita, la ricostruzione del seno non può essere la prima cosa nella propria mente mente,".
Lo studio, sostiene la dott.ssa Nora Hansen, capo della divisione di chirurgia del seno presso la Feinberg School of Medicine della Northwestern University, che "per la maggior parte, le pazienti sono soddisfatte del trattamento che hanno ottenuto".
Nella sua esperienza, che comprende molte donne con redditi più elevati e istruzione superiore, la Hansen ha detto che il 70% delle donne scelgono la ricostruzione dopo mastectomia.
Il tasso di ricostruzione del 42% evidenziato dalla Morrow è in realtà incoraggiante, ha detto la dott.ssa Laura Kruper, direttore del Cooper-Finkel Centro di Salute delle Donne e assistente professore di oncologia chirurgica presso il City of Hope Cancer Center, a Duarte, in California.
"Precedenti studi avevano documentato che i tassi medi di ricostruzione dopo mastectomia variavano al 25% al 35%". "La realtà è che ci saranno sempre alcune donne che non desiderano avere la ricostruzione del seno dopo la mastectomia."
In ogni caso la Kruper sostiene che è necessaria maggiore informazione per le pazienti. Il 24% delle donne, infatti, dichiara di non aver fatto la ricostruzione a causa delle preoccupazioni circa l'interferenza della protesi per la rilevazione di possibili recidive di tumore al seno, una preoccupazione, dicono gli esperti, non è giustificata.
 

Per saperne di più per le tutele in america rispetto alla ricostruzione del seno, visitate il US National Cancer Institute .

5 commenti:

  1. qualunque cosa una donna decida di fare va rispettata

    RispondiElimina
  2. Con grande sofferenza ho deciso di non eseguire la ricostruzione. Ho rinunciato a sentirmi "normale" per quanto possa accadere dopo una mastectomia per non rischiare ulteriormente la mia vita. Un conto è rischiarla per la malattia, un conto è per vanità. Più importante per me è vedere crescere mia figlia. E poi se fossi morta sotto i ferri per una ricostruzione che cosa avrei insegnato a mia figlia? Che è più importante l'aspetto della presenza della propria madre? No grazie.

    RispondiElimina
  3. Io non credo che sia vanità desiderare una certa integrità corporea: non stiamo parlando di una mastoplastica additiva. Io senza seno mi sentirei molto a disagio, mi sentirei mutilata e sono felice di aver fatto la ricostruzione. Sono stata fortunata di aver potuto avere la ricostruzione contestualmente alla mastectomia, ma credo che l'avrei fatta comunque. Io mi sento una donna normale, mi sento come prima anche se il mio seno è diverso: non credo che sia una cosa da poco, non credo sia equiparabile ad un ritocco estetico.

    RispondiElimina
  4. Ci mancherebbe che ricostruire ils eno dopo un cancro fosse considerato vanità....ma l'articola parla di tutt'altra cosa. Le donne spesso non sono adeguatamente informate su cos'è realmente una ricostruzione post mastectomia. Non è la passeggiata che viene presentata. Ci sono pro e contro come ci sono pro e contro a non farla. Insomma è una scelta che non deve essere data per scontata. Altrimenti poi si finisce che le "anormali" sono le donne che scelgono di non farla....La scelta "giusta" purtroppo non ci sta quindi l'obiettivo è ridare la complessità che merita ad un argomento che spesso viene erroneamente banalizzato (della serie: cancro al seno + donna giovane + ricostruzione, è ovvio no, c'è da chiederselo?)

    RispondiElimina
  5. Sono d'accordo, non è una passeggiata, io però non ho mai avuto il minimo dubbio che fosse la scelta giusta per me. Ovviamente rispetto la scelta di tutte e non credo ci sia una scelta giusta ed una sbagliata. Sono d'accordo sul fatto che i medici discutano poco con le pazienti, e questo vale anche per la scelta delle terapie.

    RispondiElimina