immagine

sabato 25 luglio 2015

Afrodite K scrive ai Comuni capoluogo di Regione a nome delle partite iva ammalate

Afrodite K continua a coinvolgere le amministrazioni locali in un pressing verso Parlamento e Governo centrale. Alcuni Comuni e Regioni hanno cominciato a scendere in campo (ecco quali) ma tanti ancora rimangono indifferenti alla mancanza di tutela dei lavoratori autonomi colpiti da malattia. Afrodite K ha deciso di interpellare formalmente tutti i Comuni più importanti capoluogo di Regione ....

Dopo aver scritto a tutti i Capigruppo dei Consigli Regionali, adesso è toccato a quelli dei Comuni capoluogo di Regione. Sono stati contattati tutti i Capogruppo del Consiglio Comunale oppure, ove non fose stato posibile reperire i contatti, il Preidente del Consiglio Comunale.
Adesso davvero questi Comuni non hanno più scuse e non possono fari passare avanti da piccoli Comuni periferici. Che figura!!. Il testo da presentare come mozione praticamente esiste già, i precedenti delle altre amministrazioni locali pure, manca solo la volontà di farlo. Punto.

Ecco la mail inviata:

Gentili Capigruppo del Comune X,
vi contatto in riferimento alla battaglia per la tutela dei lavoratori autonomi colpiti da malattia grave e prolungata che da 2 anni porto avanti con lo pseudonimo di Afrodite K e che ormai è conosciuta a livello nazionale nelle tappe principali che ha affrontato tra cui una Petizione con oltre 85.000 firme, le audizioni in Commissione Lavoro della Camera e presso il Ministero del Lavoro, nonchè l'avvio di una causa legale contro l'Inps.
Già 16 Comuni e 4 Regioni hanno risposto al mio appello presentando ed approvando (sempre all'unanimità) mozioni o ordini del giorno che hanno l'obiettivo principale di fare pressing a Parlamento e Governo affinchè si colmi il vuoto legislativo e si prenda in carico l'iniquo ed anticostituzionale trattamento che le partite iva, lavoratori di serie B, ricevono in caso di malattia grave rispetto ai lavoratori dipendenti.
Ecco le amministrazioni locali che si sono mobilitate ed il testo messo a disposizione da Afrodite K a cui si sono ispirate.
Visto che i lavoratori autonomi non sono animali in via d'estinzione, sono distribuiti in tutta Italia e.... udite udite, si ammalano anche, spero che decidiate di scendere in campo anche voi aggiungendo la vostra regione a questa battaglia di giustizia.
Ringraziandovi a nome dei tanti lavoratori e lavoratrici autonome per le azioni che vorrete intraprendere, rimango a disposizione per ogni chiarimento.

Il Comune di Roma e Padova hanno già fatto capolino.
Stay tuned perchè di sicuro ci sanno ulteriori sviluppi!

Nessun commento:

Posta un commento