immagine

giovedì 11 giugno 2015

Malattia e lavoro autonomo: 1 anno di sciopero contributivo

E' trascorso un bel po' di tempo dall'inizio dell'avventura di Afrodite K. Le azioni per dare maggiore dignità ai lavoratori autonomi ed alle partite iva colpite da malattia grave o prolungata sono state molte e tra le tappe maggiormente significative sicuramente va citato il suo sciopero contributivo. Iniziato alla fine del 2013 è proseguito per tutto il 2014 fino ad oggi.
E adesso...?


Come aveva promesso anche nella sua videodichiarazione Afrodite K ritorna a fare la brava cittadina a distanza di 2 anni dall'intervento chirurgico di mastectomia per il cancro al seno (luglio 2013). 
Avendo ricominciato piano piano a lavorare ha deciso di iniziare a ri-adempiere a quello che, ad oggi, rimane un "obbligo contributivo".
Proseguirà la battaglia per i diritti e la tutela dei lavoratori autonomi che si ammalano da una posizione ancora più "forte", quella di una cittadina e di una lavoratrice che la legge la vuole rispettare ma non per questo è disposta a subire passivamente leggi e regolamenti ingiusti che non rispettano la Costituzione ed i solleciti del Parlamento Europeo.

Afrodite K riprende quindi i pagamenti dei contributi Inps a partire dalla scadenza del 16 giugno 2015 (saldo 2014 + 1° acconto 2015).

Lo sciopero contributivo (utile ad attutire il colpo del fermo lavorativo post diagnosi e ad affrontare le prime cure) si riferisce ai seguenti 3 pagamenti:
  • scadenza 30 nov 2013: 2° acconto 2013 (2.961,81€)
  • scadenza 16 giugno 2014: saldo 2013 + 1° acconto 2014 (3.912,88€)
  • scadenza 30 nov 2014: 2° acconto 2014 (1.674,29€)
Rispetto ad essi ad Afrodite K, per la legge attuale, arriveranno le cartelle esattoriali con le more dell'Inps e l'aggio di Equitalia.

Parallelamente è stata avviata una causa legale che, pur essendo nominativa ("Daniela Fregosi contro l'Inps"), a tutti gli effetti rappresenta una sorta di class action con l'obiettivo di far arrivare alla Corte Costituzionale l'iniquo trattamento riservato alle partite iva colpite da malattia grave o prolungata.

E' quindi molto importante la raccolta fondi che l'Associazione dei Freelance Acta ha organizzato per coprire le more (non il netto dei contributi Inps arretrati) collegate al periodo di sciopero contributivo e le spese legali collegate alla causa in corso. Partecipare al crowdfunding è un modo per sostenere questa battaglia ed Afrodite K che giornalmente si dedica da quasi 2 anni a questa emergenza sociale che coinvolge tanti lavoratori inascoltati.

Nessun commento:

Posta un commento