immagine

venerdì 22 maggio 2015

Cancro e Lavoro: lo spot del Governo che esclude i lavoratori autonomi

Che i lavoratori autonomi colpiti da malattia grave come il cancro non esistano è ampiamente dimostrato da questo SPOT del Governo che va in onda da diversi anni in occasione della Giornata Nazionale del Malato Oncologico. Ogni volta che lo vedo da un lato mi prende una tristezza infinita, dall'altro.....

mi sento presa in giro e con me moltissimi altri lavoratori e lavoratrici a partita iva che annaspano nel vuoto legislativo della mancanza di diritti, ma devono anche ricevere continuamente il messaggio "tu non esisti" (che per uno che s'è beccato un tumore, v'assicuro, non è proprio il massimo). 
Quell'elenco di diritti e l'invito a conoscerli e difenderli è veramente toccante. 
La donna molto bella e sprizzante serenità.
E' vero sì, il cancro si combatte anche sul posto di lavoro e questo serve a difendere la propria normalità. 
Purtroppo questo però vale solo se quel lavoro è lavoro dipendente, gli altri possono schiattare ed annegare nella loro a-normalità.
Infine, anche la beffa..... Come recita il sito ufficiale del Governo "Il target della campagna è rappresentato dalla popolazione in generale: è stato privilegiato un modello di comunicazione idoneo a raggiungere nel modo più efficace il maggior numero di cittadini". Bravi davvero, lo stile di comunicazione raggiungerà anche tanti cittadini ma le informazioni inviate non sono reali:  come se fosse vero che i lavoratori sono tutelati se diventano pazienti oncologici, quelli autonomi manco per idea.

Caro Governo, grazie di cuore per come, oltre a:
- non fare nulla ed ignorare le 82.000 firme della nostra Petizione "Diritti ed assistenza per i lavoratori autonomi che si ammalano;
- non rispondere all'interrogazione parlamentare ferma alla Camera da oltre 1 anno;
- non tenere conto delle richieste inviate da Comuni e Regioni che si stanno unendo alla nostra battaglia....
.....ricordi ai lavoratori autonomi le merde che sono attraverso questo spot.

La presenza di Afrodite K alla manifestazione del 24 giugno a Roma che, dopo essere passata dall'Inps, porterà la "Carovana dei Diritti" davanti al Ministero del Lavoro, ha sempre più senso.....

PS Tutto questo ovviamente nel rispetto dei lavoratori che certi diritti li hanno già ed a fianco a loro perchè questi vengano rispettati, applicati pienamente e migliorati: no alla guerra tra poveri!!

10 commenti:

  1. non ce la faccio più - dopo 20 anni da lavoratore autonomo (precario), mi trasferisco in Irlanda

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono oltre vent'anni che faccio il lavoratore autonomo in Italia(freelance a tempo pieno). Prima vivevo in Irlanda. Penso sempre più spesso di aver fatto una cazzata a tornare.

      Elimina
  2. Questa è un'altra ingiustizia che un lavoratore autonomo ha solo perché non è un lavoratore Statale è ora di considerare tutte le persone uguali e non di serie B come gli autonomi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non solamente i lavoratori statali hanno assistenza medica, tutti o quasi i lavoratori dipendenti. io provengo da una famiglia di lavoratori dipendenti e trovo ingiusto che chi si ammala più o meno gravemente debba arrangiarsi o peggio lasciarsi andare, perchè nessuno ti dimostra solidarietà interesse o, perchè no, affetto. e soprattutto non riconosce i tuoi diritti: non tutti gli autonomi hanno le possibilità economiche di farsi operare a chicago

      Elimina
  3. Complimenti per il tuo articolo e grazie!

    Francesco

    RispondiElimina
  4. brava grazie mille per portare avanti questa battaglia a nome di coloro che non vanno ad elemosinare un lavoro ma ci mettono del loro,il loro denaro ,il loro ingegno,la loro professionalità e in caso di estrema necessità non vengono riconosciuti

    RispondiElimina
  5. Semplicemente fantastica. Ti ammiro!

    RispondiElimina
  6. grazie per il tuo ompegno, quello che so fare è solo seguirti e pubblicare le informazioni, sostenerti diffondendo e , soprattutto, pregando. in gamba! e auguri per te!
    Maria Grazia

    RispondiElimina
  7. Cara Daniela,
    profonda gratitudine e ammirazione per quello che stai facendo :)

    RispondiElimina