martedì 10 settembre 2019

La reale efficacia della terapia ormonale per il cancro al seno


In questi giorni non si contano gli articoli sulla famosa terapia ormonale (che è poi una cura anti-ormonale in effetti) che viene proposta a moltissime donne come standard nel caso di tumore al seno recettivo agli ormoni. Di questa terapia che personalmente ho deciso di non fare (ma questa è scelta MIA, personalissima), Afrodite K ha già scritto assai. Adesso se ne sta parlando almeno con un po' più di onestà intellettuale...


La terapia ormonale è un pilastro nelle cure del cancro al seno, presentata e venduta dagli oncologi come acqua fresca che fresca non è (a detta di moltissime donne che ne lamentano gli effetti, a volte anche devastanti, per la qualità della vita: leggi la testimonianza di Grazia e Simona) e come un'ottima soluzione quasi esatta con statistiche certe (sicuri?).
E invece la terapia ormonale post cancro al seno, che dura dai 5 ai 10 anni, di incognite ne ha e mica poche, tanto che la medicina è costretta ad ammettere che nonostante i ricercatori sottolineino che rimane uno dei trattamenti più efficaci contro le recidive di tumore al seno ... tuttavia, in circa il 30% delle pazienti con tumore al seno positivo ai recettori, il cancro ritorna, a volte anche 20 anni dopo il trattamento. E questo è quanto...

Per approfondire il perché leggi qui:

Salute Seno di Repubblica
Tumore al seno: può formare cellule "dormienti" in risposta alle cure

Healthdesk

Corriere della Sera


PS Ricevo molti messaggi e mail in cui le donne mi chiedono, a distanza di anni (ormai ne son passati oltre 6), se rifarei ciò che ho fatto. Ebbene sì, serenissima e mai pentita di aver rifiutato questa cura. Ma io sono io, e quando le altre donne mi chiedono, spesso direi, consigli sulle terapie e le cure mi guardo bene dal darne. Primo perchè non sono un medico, secondo perché sono scelte assolutamente personali e ognuna deve sentire e trovare la sua strada. Del resto c'è in ballo la vita, nel bene e nel male non conviene metterla totalmente in mano a qualcun altro, no?


Nessun commento:

Posta un commento

Stai commentando come utente anonimo o con il tuo account Google. Consulta la Privacy Policy